venerdì 22 giugno 2007

Snape, ovvero Piton il doppiogiochista

Comunque la si metta, il prof. Piton (Snape nell'originale) è un doppiogiochista. O è fedele a Silente (nell'originale Dumbledore) e si finge fedele a Voldemort, o è fedele a Voldemort e si finge fedele a Silente.

Nel corso di Harry Potter 4 scopriamo che Piton è stato un Mangiamorte (Death Eater). Porta ancora il Marchio oscuro sul braccio. E tuttavia, secondo Silente, si è pentito, e gliene ha dato prova. Voldemort, al suo ritorno, se ne mostra anche lui convinto. Nello spettrale cimitero, dopo avere ricuperato fattezze umane, convoca i Mangiamorte e dice loro, fra l'altro: "E qui abbiamo sei Mangiamorte assenti... tre morti per servirmi. Uno troppo vile per fare ritorno... la pagherà. Uno che credo mi abbia lasciato per sempre... verrà ucciso, naturalmente... e uno, il
mio servo più fedele, che è già rientrato al mio servizio".

Chi sono i tre assenti? Facile: quello troppo vile è Karkaroff. La pagherà, dice, e in seguito viene ucciso. Il servo più fedele è Barty Crouch figlio. Quello che teme lo abbia lasciato per sempre può essere solo Piton, l'unico che sappiamo con certezza che è stato Mangiamorte e che non è presente.

In seguito Silente affida a Piton la difficile missione di ritornare da Voldemort, per fingere di essere ancora dei suoi. Apprendiamo in seguito che c'è riuscito. C'è riuscito così bene, che ci viene il dubbio che sia veramente con Voldemort.

Fermiamoci qui. Alla fine di Harry Potter 4, Voldemort e Silente sono d'accordo! Entrambi sono convinti che Piton sia passato irrevocabilemente dalla parte di Silente.

In seguito Voldemort cambia idea, e questo ci confonde. Da quel momento, uno dei due si sbaglia. Ma è mai possibile che alla fine del 4° si sbagliassero entrambi? I due maghi più potenti in circolazione, entrambi capaci di leggere nel pensiero? Così dice Silente di sé: "Ma anch’io sono sufficientemente abile in Legilimenzia da sapere se qualcuno mi sta mentendo".

Non sembra possibile. Piton è ancora dalla parte di Silente.

5 commenti:

John A. Black ha detto...

Propongo una nuova teoria, a cui neppure io credo molto, e una cosa che mi pare dimostrare che Piton sta con l'Ordine.
Prima la seconda.
Noi sappiamo che Silente, quando torna da casa Gaunt è in gravi condizioni, e dice che solo l'intervento tempestivo di Piton lo aiuta. Inoltre dice a Harry, quando sono sulla torre, di scendere a cercare Piton e di raccontargli cosa è successo. Inoltre deve essere stato proprio Piton a riferire a Silente della reazione di Voldemort quando ha saputo del diario. Ciò fa presupporre che Piton sia ben a conoscenza del piano di Silente e del suo tentativo di distruggere gli Horcrux. Ma, se così è, non sembra farne parola con Voldemort, che prenderebbe in quel caso delle considerevoli precauzioni, prima tra tutte controllare quali sono ancora intatti e quali no.
Ciò mi convince che, in fin dei conti, Piton non sta dalla parte di Voldemort. Però...c'è un però...
Osservando la figura di Piton, lo vediamo ambizioso e potente, come molti grandi serpeverde (e mezzosangue). Possibile che Piton faccia solamente i propri interessi? In fondo non ci sarebbe poi tanto da stupirsi: aiuta Silente finchè può, sceglie Voldemort per salvarsi la pelle nell'immediato e, perchè no, alla fine uccide anche Voldemort, quando ormai è spacciato. Il tutto per avere il potere garantitogli sa Silente duarnte quegli anni, per salvarsi la pelle dopo la seconda caduta di Voldemort e per avere la conoscenza datagli da Voldemort per i buoni servigi. Un piano ambizioso, certo, ma ben si addice a un serpeverde.

Anonimo ha detto...

Ciao Palantir il mio nome è Jimbo. Ieri rileggevo Harry potter e la pietra filosofale ed ho notato una cosa interessante.Si fa riferimento che James in passato salvò la vita a Piton.La Rowling astutamente non ci dice niente di più,e ciò mi ha colpito.Che non si nasconda un pezzo mancante di Deatly Hallows dietro questo indizio? Ti prego di rispondere.Grazie dell' attenzione.

Palantir ha detto...

Caro Jimbo, grazie dell'osservazione. Devo dire che la spiegazione di Silente un tentativo di prima approssimazione a una una materia molto complessa. In seguito, fatico a trovare riscontri.
A meno che James non sia fra coloro che accolgono come valido il pentimento di Piton. Ma non credo che possiamo dirlo prima di leggere il 7°. La domanda è valida, ma per quanto mi riguarda la devo lasciare aperta. Qualche idea?

Anonimo ha detto...

Da Jimbo:ci ho pensato molto,e l' unica idea è stata quella che Piton è stato salvato da james tramite il mantello dell' invisibilità. In questo caso ho pensato che circa 2 giorni dopo avvenne la tragedia dei potter e piton torna da Silente col mantello.Credevo che l' unico da cui piton potesse essere protetto era Voldemort, ma mi si presentano più contraddizioni. La conclusione a cui sono faticosamente arrivato è che l' aiuto di James ed il mantello poi recapitato da Silente abbiano un nesso.Che ne dici Palantir,può star in piedi?

Palantir ha detto...

Se non fosse che la Rowling in un'intervista ha negato che sotto il mantello ci fosse Piton. Temo che qui ci abbia chiuso la strada.