domenica 1 luglio 2007

soltanto amicizia?

Silente non è padre di Harry. Il padre è James, che è morto. Sirius diventa, per breve tempo, il padre adottivo di Harry. Silente no. Il legame che unisce Harry a Silente è l'amicizia. Soltanto amicizia. Il legame che unisce Harry a Ron è l'amicizia. Soltanto amicizia. Il legame che unisce Harry a Hermione è l'amicizia. Soltanto amicizia?

Che cosa vuol dire "soltanto amicizia"? Forse che l'amicizia è la forma più debole di amore?

Potrebbe sembrarlo. All'amicizia ci si può sottrarre. Harry può essere amico di chi vuole e quando vuole. Invece, sembra che né Lily Potter né Narcissa Malfoy possano fare a meno di amare ciascuna il proprio figlio, correndo tutti i rischi necessari. Una madre ama il figlio che ha, sia esso Harry e Draco, non lo sceglie.

L'amicizia non trascina come l'eros. Dopo la morte di Cedric Diggory, Cho si prende una cotta per Harry quasi senza volere; anzi, si sente un po' in colpa, quasi fosse infedele alla memoria di Cedric. Quando Harry rbacia per la prima volta Cho, l'eros sembra fare sparire tutto il resto. Harry vede solo Cho, sente solo Cho. Non ha né la forza né il desiderio di resistere all'eros.

L'amore materno e l'eros tendono all'esclusività e conoscono perciò la gelosia. La madre non ha occhi che per il figlio piccolo. I fratelli maggiori si sentono soppiantati e diventano gelosi.

Gli innamorati si perdono nella contemplazione della persona amata. Non hanno occhi che per lei. Guai se lei guarda qualcun altro. Subito nasce la gelosia. Gelosia di Ron nei confronti di Krum, così forte che dura anni; gelosia di Harry nei confronti di Cedric, per l'amore di Cho; gelosia di Harry nei confronti dei successivi pretendenti di Ginny.

Gli amici non sono gelosi. Ron è geloso di Krum perché s'innamora di Hermione, ma non di Harry: sa che Harry è amico, non innamorato di Hermione. Hermione non è gelosa di Cho, perché a sua volta è amica di Harry, non innamorata.

L'amicizia non è esclusiva. Può legare diverse persone alla volta, rendendole tutte più forti.

Che cosa dice Silente, quando annuncia alla scuola la morte di Cedric Diggory?

‘L'abilità di Voldemort nel seminare discordia e inimicizia è molto grande. Possiamo combatterla solo mostrando un legame altrettanto forte di amicizia e fiducia. Le differenze di abitudini e linguaggio non sono nulla se i nostri scopi sono gli stessi e i nostri cuori sono aperti.’

Silente che si lascia andare al moralismo? Sono parole vuote e generiche? Oppure c'è un messaggio specifico?

4 commenti:

Giada ha detto...

Caro Palantir vorrei fare delle riflessioni su quanto hai scritto...
Come hai detto tu, potrebbe sembrare che l'amicizia sia la forma più debole dell'amore,ma non è così...
Non è così se ci riferiamo alla vera amicizia, e non hai quei rapporti superficiali che talvolta usano il termine "amicizia" in modo inapropriato...
Siamo noi a scegliere di chi essere amici?Siamo noi a scegliere chi amare?
Può dasi, anche se credo che sia il nostro cuore ad amare quella persona specifica per quello che è...
Potremmo dire he noi scegliamo in base a quel che prova il nostro cuore...
Quando dici:
Invece, sembra che né Lily Potter né Narcissa Malfoy possano fare a meno di amare ciascuna il proprio figlio, correndo tutti i rischi necessari. Una madre ama il figlio che ha, sia esso Harry e Draco, non lo sceglie.
Sono d'accordo con te parlando di Lily e Narcissa.
Credo che il fatto di essere una madre,non costriga essa ad amare il proprio figlio, ne è un esempio la madre di Sirius.
Non è detto che i rapporti di sangue debbano essere più forti degli altri(vedi Harry e i suoi zii):i parenti non possiamo "sceglierli" ,gli amici si.
Inoltre ti posso assicurare,per quanto mi riguarda, che anche in un amicizia si può essere gelosi dell'amico/a.
E non mi riferisco a gelosia per cose materiali...
Per questo non credo che l'amicizia debba essere sminuita.
E'un grande valore, un tesoro, che non deve essere sminuito...neanche dai più potenti...neanche, è soprattutto da Lord Voldemort...

martuccia ha detto...

sono convinta che l'amicizia sia l'unico sentimento che possa veramente sconfiggere voldemort..dopotutto anche silente lo aveva detto (anche se non ricordo esattamente in che punto del principe mezzosangue), che voldemort cominciò a hogwarts a farsi degi seguaci..non amici, seguaci..voldemort non conosce nessun tipo di amore, che sia eros, amicizia, o affetto...lui uccide suo padre, disprezza la madre..non ha amici...
è proprio qui la chiave per distruggerlo..è un' arma di cui lui non è a conoscenza..che lui ignora, disprezza, trova inutile...
lui non si lega a nessuno perchè crede solo nelle sue forze, lui è il "capo", il più grande, l'unico, e tutti sappiamo che chi ha queste aspirazioni non può crearsi degli amici..può creasri solo schiavi, promettendo la gloria, facendosi rispettare..non per le diverse qualità delle persone!
le persone che non lo rispettano, mangiamorte o meno le uccide o le fa uccidere..e non prova rimorsi..non è nella sua natura..
non potrà mai concepire questi sentimenti..propeio questo porterà harry alla vittoria secondo me..

Giada ha detto...

Ops presa com'ero a scrivere mi sono dimenticata di rispondere alla tua domanda.
Credo che Silente volesse dire, in poche parole:l'unione fà la forza.
Pensando mi viene in mente che Voldemort con il suo ritorno ha creato (in riferimnto al 5) più inamicizia che mai e quando dico questo parlo del rapporto tra Silente e il ministero.
A causa del ritorno di Voldemort Silente ha dovuto abbandonare Hogwarts.
E sappiamo tutti, che se ciò non fosse successo,molto probabilmente sirius sarebbe ancora in vita.
Voldemort ha insommaun talento innaturale.
Silente dice di mettere da parte ogni pregiudizio,ogni rancore e allerasi in questa battaglia, che in un modo o nell'altro unisce tutti.

Palantir ha detto...

Giada ha messo in luce la differenza fra amici e seguaci. Dovremmo anche distinguere fra amici e complici. I seguaci di Voldemort sono suoi complici, non suoi amici.